informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare broker: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare broker: studi e possibilità Studiare a Cosenza

Ti interessa capire come diventare broker? Se hai una passione per il mondo finanziario, questa professione è indubbiamente la scelta azzeccata. Il broker gestisce il portafoglio azionario per conto dei propri clienti. Lo scopo è quello di far guadagnare gli assistiti vendendo e acquistando prodotti finanziari.

Vediamo più nel dettaglio di cosa si occupa un broker e come diventarlo.

Lavorare come broker: le mansioni

Per capire davvero come diventare broker bisogna partire dalle mansioni. Un broker studia il profilo di rischio dei propri clienti e costruisce e poi gestisce il portafoglio finanziario di ognuno. Ovviamente, il presupposto fondamentale per fare questo lavoro è la profonda conoscenza del mercato finanziario. In poche parole, il broker finanziario si occupa di:

  • gestire il portafoglio dei clienti
  • monitorare costantemente il mercato finanziario
  • analizzare e soddisfare le richieste dei clienti
  • aggiornare periodicamente i clienti sull’andamento dei loro portafogli
  • elaborare strategie finanziarie per ottimizzare i rendimenti

Non si tratta di una professione semplice, anche perché il contatto con i clienti è continuo. Tra i compiti principali di un broker, infatti, c’è l’instaurazione di un rapporto di fiducia con i propri assistiti.

Come diventare broker: il percorso di studi

Per lavorare come broker in maniera professionale devi seguire un percorso di studi in materie economiche. La laurea più indicata è quella in economia, sia triennale che magistrale. È possibile accedere alla professione anche con la laurea in giurisprudenza a ciclo unico o con quella in scienze politiche.

Per approfondire meglio sarebbe bene anche seguire un master specifico in materie finanziarie e business administration, soprattutto se il titolo acquisito è quello in giurisprudenza o in scienze politiche.

Tra le materie più importanti per esercitare questa professione ci sono:

  • metodi per la valutazione finanziaria
  • economia degli intermediari finanziari
  • statistica
  • economia e gestione delle imprese
  • politica economica
  • diritto commerciale

Una volta concluso il percorso di studi, bisogna ottenere una licenza rilasciata dalla commissione CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission) oppure dalla CONSOB (Commissione nazionale per le società e la Borsa). Il possesso della licenza consente di operare in modo trasparente, evitando sanzioni.

Le soft skill di un broker finanziario

La conoscenza del mercato non basta per diventare un broker. Oggi, la gestione dei portafogli avviene online. I broker operano con specifiche piattaforme di trading che consentono loro di vendere/acquistare prodotti finanziari in tempi molto rapidi. Per questo motivo, un buon broker deve avere una certa competenza informatica.

Non solo, tra le soft skill fondamentali ci sono anche:

  • spiccata tendenza al problem solving
  • buone capacità relazionali e di mediazione
  • ottima padronanza della tensione
  • buona capacità di ispirare fiducia nei clienti

Differenza tra il broker finanziario e quello assicurativo

Spesso i broker finanziari vengono confusi con quelli assicurativi. Si tratta, però, di due professioni diverse. Il broker assicurativo, infatti, svolge un’attività di mediazione tra la sua azienda assicurativa e i clienti. Per lavorare come broker in ambito assicurativo è necessaria l’iscrizione alla sezione A del Registro Unico degli intermediari assicurativi e, ovviamente, bisogna ottenere un mandato da parte di una compagnia di assicurazioni.

Come si evince da questa descrizione, i due profili professionali non coincidono.Tra l’altro, se vuoi davvero diventare un broker, devi conoscere un’ulteriore distinzione. Operare come broker finanziario significa offrire un servizio completo, che include la consulenza per la costruzione del portafoglio e la sua successiva gestione. Non esiste però solo questa possibilità, ci sono altre due opzioni lavorative tra cui scegliere:

  • broker azionario
  • broker forex

Chi è il broker azionario

Il broker azionario o di borsa è la figura che materialmente vende e compra azioni sul mercato. I  singoli investitori, infatti, non possono effettuare da soli queste operazioni. Il broker azionario si occupa proprio di fare da intermediario per la compravendita dei titoli richiesti dai clienti.

Cos’è il broker forex?

Il broker forex è l’operatore classico, il cui lavoro consiste nel vendere e acquistare titoli. Di solito, lavora presso società che includono centinaia di operatori perché la sua figura si contraddistingue per la capacità di garantire un’azione continua. Un broker forex opera cioè sui mercati internazionali sia di giorno che di notte. Gli investimenti possono avvenire, dunque, in qualsiasi mercato e con qualsiasi valuta. Non a caso, il termine Forex significa Foreign Exchange.

La carriera di un broker finanziario

Per intraprendere questa carriera è consigliabile iniziare facendo esperienza in maniera autonoma mentre si studia. Sarebbe bene cioè abbinare lo studio con una piccola attività di trading online in modo da acquisire un po’ di esperienza.

Dopodiché si può scegliere, per esempio, di fare praticantato in una banca. Quest’ultima opportunità è consigliata soprattutto a quanti preferirebbero optare per la carriera classica di broker/consulente dipendente. Se vuoi lavorare alle poste, per esempio, la figura del broker è molto richiesta. In questo modo puoi intraprendere la carriera che desideri con tutte le sicurezze di un lavoro presso grandi enti e istituti bancari.

Lavorare come broker da dipendente, però, non è l’unica opzione. Puoi anche decidere di lavorare da libero professionista oppure cercare un impiego presso una società di consulenza finanziaria.

Quanto guadagna un broker?

Una delle ragioni che ti faranno decidere se diventare un broker è sicuramente il guadagno. Gli introiti variano molto a seconda che si lavori come libero professionista o dipendente di una società o di una banca.

Un altro aspetto da valutare è il tipo di portafogli con cui si opera. Se i portafogli azionari sono piccoli, saranno inferiori anche le commissioni richieste al cliente. Non solo, nella quantificazione dei guadagni conta molto anche l’esperienza. Più si opera in questo settore più si cumula esperienza e più gli introiti aumentano.

Ci sono cioè molti fattori da prendere in considerazione per poter ipotizzare il guadagno mensile di un broker. Spesso si leggono cifre davvero alte online che, però, non sono sempre realistiche.

Non è possibile cioè proporre delle stime valide per l’intera categoria professionale, anche perché bisogna fare un’altra distinzione: il broker opera solo per i clienti o anche per se stesso? Se scegli di lavorare come broker finanziario, infatti, potresti gestire tu stesso il tuo portafoglio azionario, che ti consentirà di ottenere un ritorno finanziario ulteriore. In linea di massima, comunque, si può affermare che gli introiti possono essere molto buoni e che vi sono ottime possibilità di aumento costante nel corso degli anni.

Qualche consiglio di lettura per iniziare

Se vuoi iniziare a capire da subito come diventare broker, ti consigliamo qualche utile lettura. Qui di seguito, troverai una serie di testi che ogni operatore finanziario dovrebbe leggere:

  • Analisi tecnica dei mercati finanziari di Martin J. Prig – libro considerato una vera e propria bibbia per quanti si affacciano ai mercati. Da tenere in biblioteca e consultare all’occorrenza.
  • A spasso per Wall Street di Burton G. Malkiel – consigliato a chi vuole capire la borsa. Il libro contiene molti spunti su come costruire un portafoglio in base alla propensione al rischio e all’età.
  • Il metodo Warren Buffett di Robert G. Hagstrom – L’autore accompagna i lettori alla scoperta del metodo di investimento dell’uomo considerato il più grande finanziere del mondo. Capitolo dopo capitolo vengono analizzati i suoi più grandi successi finanziari come Coca Cola, IBM, Heinz e non solo.
  • I consigli dei grandi trader. Le strategie operative degli investitori professionali – otto grandi broker italiani offrono i loro consigli su come operare sul mercato. L’elenco include Francesco Caruso, Antonio Landolfi, Antonio Lengua, Enrico Malverti, Maurizio Mazziero, Eugenio Sartorelli, Paolo Serafini e Luca Stellato.

Credits immagine: DepositPhoto.com/AndreyPopov

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali