informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Perdere un anno di università è “grave”? Come recuperare velocemente

Commenti disabilitati su Perdere un anno di università è “grave”? Come recuperare velocemente Studiare a Cosenza

Perdere un anno di università è “grave”? Dipende da come affronti il momento di crisi. Se ti senti un fallito, ti vergogni e racconti bugie ad amici e familiari, potresti essere finito in un circolo vizioso. In questo caso rischi di perdere altro tempo ancora, rendendo più seria la tua condizione.

Al contrario se ti sforzi di essere razionale e ammettere il problema, riuscirai a prendere in mano la situazione e a recuperare i mesi perduti. Il primo passo è cercare di essere meno emotivi e accettare di aver commesso degli errori. Dopodiché puoi rimboccarti le maniche e dare il via a un programma di studio che ti faccia colmare il gap temporale.

Impara ad assolverti per gli errori commessi

Se rientri nella categoria degli studenti che pretendono molto da sé stessi, la domanda “perdere un anno di università è grave?” ha una sola possibile risposta per te ed è affermativa.

Focalizzarti esclusivamente sugli errori commessi è rischioso, perché ti impedisce di cogliere le opportunità del presente. Cosa significa? È vero, hai perso del tempo e non hai dato il numero di esami previsto. Questo errore, però, non è irreversibile. Puoi recuperare e minimizzare i mesi persi, risultato ottenibile a patto che giudichi l’errore acqua passata e ti proietti verso la sua risoluzione.

Per aiutarti puoi seguire i nostri consigli qui di seguito:

  • recupera la tua autostima. In fondo, sbagliare è parte del percorso di vita di tutti gli esseri umani. Tu non sei i tuoi errori e non sei una persona sbagliata perché hai sbagliato.
  • assumiti le tue responsabilità. Confrontati con te stesso con estrema sincerità e metti sul piatto le tue colpe
  • accetta i tuoi limiti e perdonati per gli errori commessi. Se l’anno perso ha provocato problemi alle persone che ti stanno vicino, chiedi scusa. In questo modo riceverai da chi ti sta intorno una carica ulteriore per ripartire
  • liberati della zavorra dei rimpianti e dei rimorsi e riparti dagli sbagli commessi

Perdere un anno di università è “grave”? No, riparti dagli errori

Per recuperare il tempo perduto comincia dall’analizzare il tuo comportamento. Il tuo obiettivo consiste nello sforzarti di capire cosa ti ha fatto rallentare:

  • hai rimandato sempre a domani e poi ti sei ritrovato a ridosso della sessione d’esame?
  • sei uno studente lavoratore e non sei riuscito a conciliare lavoro e preparazione degli esami?
  • ti sei reso conto che il percorso di studi non fa per te?
  • ti senti profondamente demotivato?
  • non sei riuscito ad affrontare tutto il materiale in tempo?
  • ti sei bloccato il giorno dell’esame e la tensione non ti ha permesso di dare il meglio di te?

Poniamo che tu abbia risposto affermativamente all’ultima domanda. Allora, il tuo compito per recuperare tempo prevede che impari a tenere sotto controllo la tensione. Solo dopo aver capito come mantenere l’ansia a livelli accettabili, potrai stilare il tuo piano di attacco.

Metti a punto un metodo di studio personalizzato

Il passaggio dalla scuola all’università evidenzia, spesso, come le difficoltà nel rimanere in corso sorgano a causa della mancanza di un metodo di studio.

Non esiste una modalità valida per tutti e per tutte le materie. Esistono, però, dei punti fermi indispensabili per far sì che il tuo metodo personalizzato funzioni. Noi dell’Università di Cosenza, ti suggeriamo un metodo standard che potrai adattare alle tue esigenze:

  • studia con regolarità. Meglio poche ore al giorno che le full immersion di 12 ore a ridosso della data dell’esame
  • stabilisci un calendario di lavoro. Fissa cioè dei micro obiettivi giornalieri non troppo ambiziosi. Evita i traguardi impossibili perché sono dettati solo dalla fretta. Non riuscire a mantenere la tabella di marcia, potrebbe farti sentire inadeguato e peggiorare la situazione. Nel tuo caso è prioritario ritrovare la  fiducia in se stessi. Una volta ottenuto questo importante risultato, potrai costruire un calendario con obiettivi più ambiziosi
  • tieni sotto controllo i tuoi progressi. Controlla cioè di aver fatto quanto previsto ogni giorno. È importante seguire il tuo calendario in maniera rigida, soprattutto se il tuo problema è la procrastinazione
  • stabilisci il cosiddetto tempo degli imprevisti. Il tuo calendario cioè deve prevedere dei giorni in più che ti serviranno per recuperare. Cosa significa? Poniamo che per preparare l’esame X ti servano 40 giorni. Metti in conto 45 giorni perché quei 5 giorni extra ti serviranno per ammortizzare un qualsiasi imprevisto che ti ha impedito di studiare
  • non studiare senza pause. Il tuo calendario deve sempre includere almeno un giorno di pausa a settimana. È vero che hai un anno da recuperare, ma studiare senza concedere un po’ di riposo alla mente è controproducente

Per quanto riguarda il metodo di studio vero e proprio, non ci sono modalità sbagliate a prescindere. Se sei abituato a sottolineare i passaggi importanti, continua a farlo. Memorizzi meglio riassumendo i concetti per iscritto? Bene, non cambiare metodo. Odi ripetere ad alta voce? Non ti obbligare a farlo perché renderesti lo studio più pesante.

Ti consigliamo anche di integrare il tuo metodo con altri strumenti che ti aiutano a ottimizzare i tempi e a migliorare la tua preparazione. Potresti provare, per esempio, con le mappe concettuali.

Come abbinare gli esami

Perdere un anno di università è “grave”? No, se adotti un metodo di studio personalizzato e stabilisci bene quali esami preparare nella stessa sessione. Se hai perso un anno, significa che potrai scegliere gli esami da dare senza attenerti così rigidamente al piano di studi della facoltà.

Per recuperare puoi adottare due strade: dare gli esami della stessa materia o di materie affini ravvicinati nel tempo oppure dare contemporaneamente un esame corposo e un’idoneità nella stessa sessione.

La seconda opzione, per esempio, ti aiuta a preparare l’esame corposo con più tranquillità. Le idoneità, infatti, presuppongono un carico inferiore che potrai gestire in poco tempo.

Per quanto riguarda, invece, la prima opzione, ti facciamo un esempio. Poniamo che tu sia iscritto a ingegneria informatica. Il tuo anno perso senza dare esami coincide con il primo anno di iscrizione.

Il modo più semplice per velocizzare è sostenere gli esami delle stesse materie ravvicinati nel tempo, come analisi I e analisi II oppure fisica generale I (primo anno) e fisica generale II (secondo anno), geometria (primo anno) e complementi di geometria (secondo anno).  In questo modo la conoscenza della materia è ancora fresca e non ti ritroverai a dover ripescare informazioni dalla memoria, con il rischio di allungare i tempi della preparazione dell’esame.

L’importanza della concentrazione

Il tuo obiettivo è recuperare un anno universitario. Questo significa che dovrai essere concentratissimo in modo da rispondere con un bel no alla domanda Perdere un anno di università è “grave”?

Per aumentare il tuo livello di concentrazione e ottenere il massimo dalle ore dedicate allo studio, ti consigliamo di ritagliarti 5 minuti prima di cominciare. In quei 5 minuti devi preparare la mente a quello che l’attende, in modo che sia focalizzata sui compiti da portare a termine.

Puoi aiutarti ascoltando della musica o dei suoni con effetto calmante o visualizzando qualcosa di piacevole, come uno scorcio naturale. In questo modo il cervello si sintonizza sul compito da svolgere e tu sei pronto per studiare con il massimo della concentrazione.

Se sei uno sportivo, usa l’attività fisica per migliorare le tue performance come studente. Lo sport aiuta il cervello a concentrarsi grazie al rilascio nel sangue di sostanze che ti consentono di sviluppare un atteggiamento positivo.

Credits immagine: DepositPhoto.com/Pressmaster

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali