informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come cambia la vita all’università? Le 6 differenze con il liceo

Commenti disabilitati su Come cambia la vita all’università? Le 6 differenze con il liceo Studiare a Cosenza

Devi prendere una decisione sul tuo futuro scolastico e ti piacerebbe sapere come cambia la vita all’università? Ci sono tante differenze con il liceo, dalla frequentazione non più giornaliera al rapporto con i professori fino ai materiali di studio.

Non devi, però, spaventarti. Basta sapere in anticipo cosa si fa all’università e a quali cambiamenti vai incontro per affrontarli in maniera più serena.

Leggi la nostra piccola guida su come cambia la vita all’università e preparati per una nuova avventura.

Università vs liceo: una questione di calendario

La prima grande differenza tra università e liceo riguarda gli orari. Non sarai più tenuto a frequentare 5 ore al giorno dal lunedì al sabato e non avrai più la vita cadenzata da trimestri/quadrimestri, interrogazioni e compiti in classe.

Come cambia la vita all’università? Dovrai attenerti a una organizzazione in anni accademici. Ogni anno accademico è articolato con dei periodi di lezioni e delle pause in cui sostenere gli esami. Durante un anno sono previste tre sessioni nei mesi di gennaio/febbraio, giugno/luglio e settembre/ottobre.

In ogni sessione di esame sono programmati i cosiddetti appelli. Si tratta di 2/3 giorni durante i quali si tengono materialmente gli esami con i professori delle varie materie.

Rapporto con i professori: come cambia all’università

Durante il liceo i professori hanno una conoscenza diretta di tutti gli allievi, anche perché li vedono tutti i giorni. All’università questo contatto continuo è impensabile. Nella maggior parte dei casi, il primo vero e proprio contatto si ha durante l’esame. È possibile, però, interagire con i propri professori durante gli orari di ricevimento. Durante questi incontri puoi porre domande e farti chiarire eventuali dubbi sugli esami con un piccolo colloquio diretto.

La mancanza di una conoscenza approfondita non è comunque sempre controproducente. Il docente non ha modo di conoscere neppure lacune e inciampi passati. Ti presenterai davanti a lui senza nessun bagaglio a pesare sulla votazione di quel singolo esame.

I voti non sono quelli delle scuole superiori

Nell’elenco degli aspetti che ti consentono di capire come cambia la vita all’università vanno inseriti anche i voti. La votazione di ciascun esame, scritto o orale, si calcola in trentesimi e può andare da un minimo di 18 a un massimo di 30 con lode.

Prima che il professore verbalizzi l’esame è possibile rifiutare il voto. La motivazione principale del rifiuto è un voto troppo basso che potrebbe incidere negativamente sulla tua media. Quando andrai all’università dovrai imparare a calcolare la tua media, che è importante anche per la definizione del voto di laurea.

Ma come si calcola? Dovrai moltiplicare il voto di ciascun esame per il numero di crediti corrispondenti. Dopodiché  sommi tutti i risultati delle moltiplicazioni e dividi il totale per la somma dei crediti degli esami sostenuti.

Poniamo che tu abbia sostenuto tre esami. Ti proponiamo qui sotto una simulazione per calcolare la media:

  • Esame 1: crediti 8 e voto 25
  • Esame 2: crediti 12 e voto 27
  • Esame 3: crediti 4 e voto 25
  • (25×8)+ (27×12) + (25×4) = 200+324+100=624
  • 624: (8+12+4)=26

La tua media per questi tre esami corrisponde quindi a 26.

Il metodo di studio

Una volta iscritto all’università sarai costretto a cambiare anche metodo di studio. Dovrai, infatti, programmare lo studio in base agli esami da sostenere e al tempo a disposizione. 

Questo significa che hai un nuovo obiettivo: organizzare molto bene il tempo, soprattutto se vuoi arrivare preparato senza sacrificare la tua vita privata. Un buono metodo consiste nel suddividere lo studio giornaliero secondo step successivi.  Potrai aiutarti con tanti moderni strumenti di pianificazione da utilizzare tramite pc, tablet o smartphone, tra cui le applicazioni come Agenda Studio, Things, iStudez Pro, InClass e molte altre ancora.

Il contatto con i colleghi dell’università

Uno degli aspetti che molti studenti non amano molto di come cambia la vita all’università è la mancanza del contatto quotidiano con gli stessi amici. In realtà, la mancanza di una frequentazione così continua, dal lunedì al sabato, rende questo aspetto secondario.

Basta considerare l’università come l’ultimo step prima dell’ingresso nel mondo del lavoro per cominciare a vederla in una luce diversa rispetto al liceo. Non avrai il compagno di banco, ma avrai la possibilità di venire a contatto con persone diverse, aspetto indubbiamente molto stimolante della vita universitaria.

La maggiore indipendenza

Tutti i cambiamenti elencati contribuiscono a definire il cambiamento maggiore rispetto alle scuole superiori: l’indipendenza. Uno studente universitario ha minori vincoli rispetto a uno studente del liceo.

L’indipendenza è maggiore e bisogna stare attenti a non trasformarla in un boomerang. Indipendenza, infatti, non significa assenza di regole. All’università è molto importante l’autodisciplina.

Come fare a raggiungerla senza troppi passi falsi? Stabilisci una routine, fissa i tuoi obiettivi, organizza lo studio con un calendario alla mano e testa delle tecniche di concentrazione, come quella del pomodoro, la meditazione mindfulness, la tecnica del mandarino e così via. La meditazione, per esempio, va praticata 10 minuti al giorno, focalizzando la propria attenzione sulla respirazione, ed ha benefici che non includono solo l’aumento della concentrazione nello studio.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali